LA DISCIPLINA SUL CONCORSO DI IDEE CONTENUTA NELL’ART. 156, COMMA 3, DEL D.LGS. 50/2016

«Tale disposizione, in particolare, prevede che “(…) il concorrente propone la proposta ideativa nella forma più idonea alla sua corretta rappresentazione. Per i lavori nel bando non possono essere richiesti elaborati di livello pari o superiori a quelli richiesti per il progetto di fattibilità tecnica ed economica (…)”.

Per poter leggere tutto l'articolo occorre effettuare l'accesso oppure abbonarsi al giornale.