Settori speciali

L’organismo di diritto pubblico nei settori speciali

I servizi di lettura dei contatori e di call center telefonico per l’autolettura costituiscono attività principalmente destinate alla misurazione dei consumi del gas.

Il possesso dei requisiti di idoneità “morale” di cui all’art. 80 del codice

È necessario anche per l’affidamento delle concessioni di servizio di trasporto pubblico di passeggeri ai sensi del Regolamento CE n. 1370/2007?

L’art. 137, comma 2, del codice dei contratti pubblici

La ratio e l’applicazione della disposizione (offerte contenenti prodotti originari di Paesi terzi).

ANAC (14 dicembre 2020)

Siglato accordo per trasparenza e anticorruzione per i settori energia, gas, acqua e rifiuti.

FREE «Aggiudicazione di appalti nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali – Direttiva 2014/25/UE – Articolo 13 – Attività relative alla prestazione di servizi postali – Enti aggiudicatori – Imprese pubbliche – Ricevibilità»

Poste Italiane riveste la qualità di impresa pubblica.

L’art. 95, comma 10, del D.Lgs. 50/2106

La questione dell’applicabilità dell’art. 95, comma 10, del codice, alle procedure di gara bandite da imprese pubbliche operanti nei settori speciali, per importi inferiori alla soglia comunitaria.

FOCUS Il RUP nei settori speciali

È applicabile l’art. 31, comma 10, del codice, nella possibilità di individuare «più soggetti cui affidare i compiti propri» del RUP?

FOCUS L’ART. 137, COMMA 2, DEL D.LGS. 50/2016

La preferenza per i prodotti comunitari rispetto a quelli originari di Paesi terzi. Ma è proprio così?

FOCUS LA MAGGIORE ELASTICITÀ DELLA DISCIPLINA PREVISTA DAL CODICE PER L’AFFIDAMENTO DEL CONTRATTO NEI SETTORI “SPECIALI”

Le procedure negoziate.

FOCUS I SETTORI «SPECIALI» E I PRINCIPI DEL SISTEMA «UNICO» DI QUALIFICAZIONE, PER I LAVORI

Nei settori speciali puoi richiedere, in aggiunta all’attestazione-SOA, il requisito tecnico di lavori precedentemente svolti, ma poi non può essere superato il sistema-SOA che postula la sussistenza di due principi: “non equipollemza fra le categorie” (al di là della fattispecie eccezionale dell’OG 11) e “qualificazione obbligatoria”.

Pagina 1 di 11