curriculum linkedin twitter

Tematiche generali

VERIFICA DELL’ANOMALIA
L’informalità procedimentale, il riferimento all’offerta nel suo complesso, la misura dell’utile (principi consolidati).
L’ATTIVAZIONE DELLA VERIFICA FACOLTATIVA DELL’ANOMALIA
Necessita di un minimo di motivazione preventiva?
LA PRESENZA DI UN DELEGATO DI UN CONCORRENTE ALLA SEDUTA DI GARA IN CUI SI SONO DELIBERATE LE AMMISSIONI
Non vale a far decorrere il termine decadenziale per proporre il ricorso ex art. 120, comma 2-bis, cod. proc. Amm. (giurisprudenza prevalente).
L’INDIVIDUAZIONE DELLA GIURISDIZIONE
La controversia riguardante la legittimità degli esiti della procedura di gara volta ad individuare i contraenti per i contratti di locazione da stipularsi da parte del concessionario di trasporto locale, con riguardo agli immobili commerciali concessi alla società in house stessa (organismo di diritto pubblico) dal Comune (concedente).
PROCEDURA TELEMATICA
Il disciplinare di gara non imponeva un obbligo di sottoscrizione della busta economica, a pena di esclusione, mentre espressamente comminava la sanzione espulsiva in caso di mancata sottoscrizione dell’allegato contenente l’offerta economica. Necessaria, ma anche sufficiente, almeno una sottoscrizione dell’offerta economica con firma digitale?
GRAVI ILLECITI PROFESSIONALI
Mancata dichiarazione di risoluzione contrattuale, oggetto di contestazione in un giudizio che non si è ancora concluso: del tutto condivisibile la tesi che non si sia trattato di un’omissione dichiarativa. Oggi il problema invece si pone a seguito della modifica recata dal D.L. 14 dicembre 2018, n. 135.
RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO
La scaletta della tracciabilità dell’iter motivazionale.
MANCATA INDICAZIONE DI CUI ALL’ART. 95, COMMA 10, DEL CODICE
Si osserva che «l'omessa indicazione dei costi della manodopera non lede solo interessi di ordine dichiarativo o documentale, ma si pone di per sé in contrasto con i doveri di salvaguardia dei diritti dei lavoratori cui presiedono le previsioni di legge che impongono di approntare misure e risorse congrue per garantire loro una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del lavoro espletato ex art. 36 della Costituzione». Motivazione del tutto nuova per l’approccio formalistico alla vexata quaestio.
GIURISDIZIONE
Il sindacato, sugli atti inerenti a una selezione per il conferimento di incarichi professionali non finalizzata alla costituzione di un rapporto di pubblico impiego contrattualizzato, rientrerebbe nella giurisdizione del giudice ordinario poiché i medesimi sarebbero riconducibili alla casistica di cui all’art. 17, comma 1, lett. d), del D. Lgs. N. 50/2016?
IN HOUSE
Ancora due rimessioni alla Corte di Giustizia.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.