FOCUS Il consorzio stabile di cui alla lett. “c” del comma 1 dell’art. 45 del codice e il consorzio cooperativo o artigiano di cui alla lett. “b”

Per il consorzio stabile sussiste la possibilità di eseguire l’appalto in proprio ovvero tramite una o più consorziate eventualmente designate. Il consorzio cooperativo o artigiano deve invece necessariamente designare una o più imprese consorziate. Non è quindi affatto corretto per la seconda tipologia dire che «sono dotati di una struttura permanente» (quanto meno nel senso di una comune struttura di impresa che proprio non hanno, la cui carenza strutturale stessa li obbliga proprio alla designazione).

Per poter leggere tutto l'articolo occorre effettuare l'accesso oppure abbonarsi al giornale.