Quotidiano on line (iscritto nel registro del Tribunale di Ancona, 11 aprile 2019, REG. 5/2019). Direttore responsabile: Lino BELLAGAMBA (iscritto dal 20 febbraio 2019 nell'elenco speciale dell'Ordine dei giornalisti delle Marche).

Il raggruppamento di lavori nel vecchio codice, quando ancora c’era la possibilità di una verticale

Sfrondone del C.d.S.: la sentenza della C.G.U.E. impattava sul requisito della maggioritarietà (d.P.R. 207/2010, art. 92, comma 2), come tale riferibile solo a un raggruppamento (o sub-raggruppamento) orizzontale. Ai sensi del D.Lgs. 50/2016, art. 48, comma 1 in combinato disposto con il comma 6, in un raggruppamento verticale la prevalente poteva essere assunta solo da una capogruppo singola (o da un sub-raggruppamento orizzontale nella medesima). Non poteva pertanto essere ammesso che fosse sufficiente «la mandante autonomamente qualificata per intero nella categoria prevalente». Questo è possibile solo con il D.Lgs. 36/2023 («La qualificazione nei lavori pubblici e le inevitabili scelte discrezionali della stazione appaltante: prevalente, scorporabili, SIOS, raggruppamenti e consorzi, subappalto, appalto integrato, beni culturali»).

Per poter leggere tutto l'articolo occorre effettuare il login oppure abbonarsi al giornale.