Quotidiano on line (iscritto nel registro del Tribunale di Ancona, 11 aprile 2019, REG. 5/2019). Direttore responsabile: Lino BELLAGAMBA (iscritto dal 20 febbraio 2019 nell'elenco speciale dell'Ordine dei giornalisti delle Marche).

FREE «Codice Appalti, i dubbi dell’Anticorruzione»

Alcune note su quanto scrive l’ANAC.


Vai al documento.

«Semplificazione e rapidità sono valori importanti, ma non possono andare a discapito di principi altrettanto importanti come trasparenza, controllabilità e libera concorrenza, che nel nuovo Codice non hanno trovato tutta l’attenzione necessaria». Vero. E torneremo su questo argomento.

Si parla di «piena maturazione» di «quanto Anac ha già fatto con la Banca dati nazionale dei contratti pubblici». Questo non è vero. Il FVOE è un’altra AVCPass.

Si parla di “soglie troppo elevate (…) per gli affidamenti diretti e le procedure negoziate». Vero per gli affidamenti diretti.
Non del tutto vero per le «procedure negoziate» non ad affidamento diretto di valore inferiore alla soglia comunitaria, in quanto si tratta di procedimenti pro-concorrenziali che già da oggi garantiscono una posizione tutelata a qualsiasi operatore economico in ordine alla presentazione della manifestazione di interesse (che non può non essere presa in considerazione) o alla ricezione di un invito in relazione a un elenco cui si sia iscritti (la scelta degli invitandi non può essere fiduciaria). Semmai si può parlare di riduzione di concorrenzialità, ma non di sua assenza.

Il problema semmai è un altro e cioè di semplificazione. È materialmente un travisamento dei fatti la considerazione che la negoziata/«indagine di mercato» sia una procedura semplificata. Ci vogliono, fra tutto, almeno una trentina di giorni per arrivare all’apertura della sola documentazione amministrativa, sempre che non ci siano (come invece statisticamente accade con una certa frequenza) soccorsi istruttori o procedimentali da concedere. Come da sempre sosteniamo (affermando un’evidente banalità), sotto il profilo del carico di lavoro istruttorio per gli operatori della stazione appaltante, l’adozione di una procedura aperta con inversione procedimentale fa arrivare alla formazione della graduatoria in quindici giorni e a concorrenza integralmente garantita (senza cioè limitare la partecipazione ai soli invitati, pur nel rispetto del principio di non discriminazione).

Introduzione generale al nuovo codice dei contratti pubblici: in particolare, la disciplina transitoria e la fase dell'affidamento