FREE MANCATA ISCRIZIONE AL CASELLARIO DELLE SOCIETÀ DI INGEGNERIA TENUTO DALL’ANAC

La mancata iscrizione rileva solo come inadempimento a un obbligo di comunicazione e non ha alcun effetto costitutivo della legittimazione a partecipare alle gare. Per la formazione on line a distanza, cfr. il seguente programma.  

«Il primo motivo di ricorso, con cui si lamenta che la società mandante F. Project s.r.l. non è iscritta al Casellario delle società di ingegneria tenuto dall’Anac e che ciò avrebbe dovuto comportare l’esclusione della società “e con essa [del] raggruppamento di cui fa parte” per impossibilità di verificare il possesso dei requisiti dichiarati secondo quanto disposto dall’ art. 81 del codice degli appalti, non è fondato in quanto, come già affermato dalla giurisprudenza, cui si ritiene di aderire, “come evidenziato anche nello stesso sito dell’ANAC (pagina delle FAQ relative a tale servizio), la mancata iscrizione rileva solo come inadempimento a un obbligo di comunicazione e non ha alcun effetto costitutivo della legittimazione a partecipare alle gare” (cfr. Tar Pescara, sent. n. 259/2018; Tar Trieste, sent. n. 64 del 2017; C.d.S., sent. n. 426 del 2016; nonché Tar Lazio, sent.n. 12606 del 2018; Tar Brescia, sent. n. 215 del 2019).

Inoltre, il Consiglio di Stato (sez. V, sent. n. 1730/2019) ha chiarito che “quanto dichiarato dagli operatori economici concorrenti nella domanda di partecipazione alla gara e nel DGUE costituisce prova documentale sufficiente del possesso dei requisiti dichiarati, dovendo essere basata su tali dichiarazioni la relativa valutazione ai fini dell’ammissione e della partecipazione alla gara (cfr. Cons. Stato, V, 5 giugno 2017, n. 2675), che spetta alla commissione di gara”, mentre “di norma, fatte salve diverse previsioni della legge di gara e comunque fatto salvo l’esercizio delle facoltà riconosciute alla stazione appaltante dall’art. 85, comma 5, del d.lgs. n. 50 del 2016, soltanto all’esito della gara, dopo l’approvazione della proposta di aggiudicazione ed il provvedimento di aggiudicazione, si procede alla verifica del possesso dei prescritti requisiti, non da parte della commissione di gara, ma da parte della stazione appaltante mediante richiesta all’aggiudicatario di presentare i documenti all’uopo necessari, in conformità a quanto prescritto dagli artt. 86 e 87 del d.lgs. n. 50 del 2016» (T.A.R. Veneto, III, 11 marzo 2020, n. 247).

I temi caldi di APPALTIeCONCESSIONI
accesso
acquistinretepa
aggiudicazione
ANAC
anticorruzione
antimafia
affidamento diretto
anomalia
appalti e contratti
appalti pubblici
art. 36
art. 77
art. 80
art. 83
art. 105

AVCpass
avvalimento di garanzia
avvalimento operativo
capogruppo
casellario informatico
cauzione definitiva
cauzione provvisoria
ccnl
centro cottura
certificazione qualità
contributo ANAC
coronavirus
costo lavoro
clausola sociale
codice contratti pubblici
commissione giudicatrice
concessione
consorzio
costi sicurezza
costi manodopera
d.P.C.M. 11 maggio 1991, n. 187
DURC on line
DUVRI
esclusione automatica
Europa.eu
finanza di progetto
formazione appalti
forniture
garanzia definitiva
garanzia provvisoria
gravi illeciti professionali
giurisprudenza apppalti consolidata
idoneità morale
in house
invarianza soglia
inversione procedimentale
lavori pubblici
lex specialis
linee guida
lotti
mandante
mandataria
marcatura temporale
MEPA
offerta economicamente più vantaggiosa
offerte
operatore economico
passOE
PEF
presa visione
prezzo più basso
procedura aperta
procedura negoziata
procedura telematica
project financing
qualificazione obbligatoria
qualità
qualità/prezzo
regolamento attuativo codice contratti pubblici
raggruppamento orizzontale
raggruppamento verticale
requisiti partecipazione
riparametrazione
rti
servizi progettazione
servizi sociali
rotazione
RUP
self cleaning
servizi
sblocca cantieri
scorporabili
settori speciali
SIOS
SOA attestazione
soccorso istruttorio
soglia comunitaria
sopralluogo
sottoscrizione difetto
sotto soglia comunitaria
subappalto
tabelle ministeriali
verbale gara 
unico centro decisionale