Servizi di progettazione

Assicurazione per responsabilità civile verso terzi dei verificatori c.d. interni con oneri a carico dell’Ente

Quid juris?

FOCUS L’impossibile quadratura del cerchio secondo cui i due servizi "di punta" debbano essere posseduti dalla capogruppo in misura maggioritaria

QUESITO: «Un concorrente chiede spiegazione del “copia e incolla” che abbiamo operato dal bando-tipo n. 3: “Il requisito dei due servizi di punta (…) deve essere posseduto dal raggruppamento temporaneo orizzontale nel complesso, fermo restando che la mandataria deve possedere il requisito in misura maggioritaria. Il requisito dei due servizi di punta relativi (…) deve essere posseduto da un solo soggetto del raggruppamento in quanto non frazionabile”. Che cosa si risponde?» Entra dentro e guarda la risposta o vieni al webinar. 

La figura del geologo nel gruppo di lavoro, per la redazione della relazione geologica

Il geologo deve essere legato all’operatore economico principale da un rapporto di collaborazione non occasionale, in difetto del quale sarebbe sostanzialmente eluso il divieto del subappalto.

La domanda se il professionista che partecipi già da solo ovvero un raggruppamento di professionisti possano indicare un esecutore di una parte del servizio, senza doverlo raggruppare come mandante

È prevalente l’orientamento di favor.

Il comma 19-ter dell’art. 48 del codice per il raggruppamento di professionisti

Sta bene che, se l’irregolarità contributiva era già pendente al termine di scadenza di presentazione delle offerte, non è configurabile un essersi «in fase di gara». Ma la questione, ancora una volta, non è qui stata affrontata in tale visuale. L’essersi «in fase di gara», secondo l’indirizzo maggioritario, di fatto è fattispecie che non sussiste mai. E allora aspettiamo la “plenaria”.

La regolarità contributiva dei professionisti

Il sistema INARCASSA.

Sempre e pervicacemente molto poco orientata comunitariamente l’interpretazione dell’ANAC

L’elenco di cui all’art. 46, comma 1, del D.Lgs. 50/2016, nonché la disciplina di cui al decreto del MIT n. 263/2016 debbono ritenersi non esaustivi, ragione per cui sussiste la possibilità, per i fini indicati all’art. 7 del D.M. medesimo, di procedere all’iscrizione nel casellario tenuto dall’ANAC anche di soggetti non esplicitamente contemplati dal suddetto art. 46, comma 1, del D. L.vo 50/2016, in possesso dei prescritti requisiti.

Offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo: la (presunta) dettagliatezza dei criteri di valutazione secondo un giudice amministrativo

Curriculum, dal quale ricavare la capacità professionale nella gestione del servizio (30 punti); relazione tecnico-metodologica, dalla quale ricavare le modalità di svolgimento del servizio, la chiarezza dell'organizzazione e la gestione complessiva del servizio (50 punti). E, «attesa la semplicità della procedura di gara» (procedura negoziata non ad affidamento diretto, inerente a servizi d’architettura e ingegneria), si afferma che «siano prefissati, con chiarezza e adeguato grado di dettaglio, i criteri di valutazione» e quindi «il punteggio numerico attribuito dalla commissione a ciascuna delle offerte in gara è idoneo a integrare una sufficiente motivazione» (sic).

Concorso di progettazione

La regola dell’anonimato.

Concorso di idee

Il necessario differimento dell’accesso in relazione alla ratio dell’anomimato (la rilevanza del c.d. tratto stilistico).

Pagina 2 di 34