Servizi e forniture

L’ART. 144, COMMA 5, DEL CODICE, IN MATERIA DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA

Sussiste la possibilità che gli esercizi elencati siano identificati tramite il possesso di un determinato codice ATECO? Ovvero, va riconosciuta alla stazione appaltante un’ampia discrezionalità nello stabilire i contenuti della lex specialis?

FRA PROROGA ALL’OPERATORE USCENTE E AFFIDAMENTO IN VIA D’URGENZA AL NUOVO

La proroga di un affidamento, oltre a essere sottoposta agli stringenti limiti di cui all'articolo 106, comma 11, del D.lgs. n. 50/2016, non può essere considerata un diritto dell'operatore uscente, né comunque un'opzione che l'Amministrazione è tenuta a reputare preferibile rispetto all'affidamento in via d'urgenza al nuovo operatore.

IL PRINCIPIO DI EQUIVALENZA DI CUI ALL’ART. 68 DEL CODICE DEI CONTRATTI RISPETTO AGLI ALTRI PRINCIPI

Si prescrive: «il rilievo della velocità dovrà avvenire a mezzo di spire induttive elettromagnetiche, inserite nella corsia di marcia sottoposta a controllo». In definitiva, sono esclusi i prodotti basati su tecnologia laser. Peraltro, essendosi sul MEPA, il modulo di presentazione dell’offerta non consentiva di fornire prova dell’equivalenza funzionale del prodotto offerto. Quid juris? Dovevi subito impugnare la lex specialis e non attendere di essere escluso. Mah!

OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA SECONDO IL MIGLIOR RAPPORTO QUALITÀ/PREZZO: SI PUÒ ECCEPIRE IL TROPPO POCO PESO DATO AL PREZZO?

“Si ritiene “spropositato” il peso attribuito dalla legge di gara all’offerta tecnica e, conseguentemente, sovrabbondanti i margini di discrezionalità lasciati alla valutazione dell’elemento qualitativo, la cui eccessiva valorizzazione falserebbe il confronto concorrenziale, tenuto conto delle peculiari caratteristiche della fornitura.”

CONTRATTO MISTO CON PREVALENZA (STABILITA) DELLE FORNITURE SUI LAVORI

L’esecuzione degli interventi manutentivi e di riqualificazione delle aule didattiche dell'ente-università evidenzia (funzionalmente) più un appalto di lavori che non di forniture, ma il motivo non è stato eccepito. Ciò premesso, se fai un raggruppamento verticale (improprio, in quanto la ripartizione delle prestazioni è fra settori diversi d’appalto), laddove la capogruppo esegue la quota-forniture e la mandante la quota-lavori, sei a posto. E ci mancherebbe altro, visto che (trattandosi di contratto misto) non puoi ricorrere al subappalto qualificatorio delle accessorie prestazioni (nella fattispecie) di lavori.

MANCANDO UN BANDO È LA DETERMINAZIONE A CONTRARRE AD ESSERE IMMEDIATAMENTE LESIVA

L’impugnazione della determina con la quale si è stabilito di procedere alle operazioni di gara mediante la piattaforma informatica MEPA – ciò che ha reso impossibile per l’operatore economico (in quel momento non abilitato sul MEPA stesso) la partecipazione alla gara – non è stata tempestiva.

“SPECIFICHE TECNICHE” RELATIVE AI «CRITERI AMBIENTALI

Non ne è sufficiente il possesso in parte qua.

FOCUS L’AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DEL “TRENINO TURISTICO” DEVE ANDARE A GARA?

L’attività consiste in un'attrazione di tipo prettamente turistico tramite cui gli avventori interessati, dietro pagamento di un prezzo all'operatore, partecipano ad un giro turistico senza sosta su di un itinerario cittadino predeterminato, in modo da ammirare in un tempo relativamente breve strade ed angoli della città a bordo di un veicolo che riproduce un vecchio trenino a vapore. Affidamento diretto o obbligo di evidenza pubbllica? La ricostruzione sistematica dei principi da applicarsi.

L’APPLICABILITÀ DELL’ART. 95, COMMA 10 DEL D.LGS. 50/2016, PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI RELATIVI A SANZIONI EMESSE A CARICO DI SOGGETTI NON RESIDENTI IN TERRITORIO ITALIANO E DI RECUPERO DI CREDITI INTERNAZIONALI

Prima facie, non appare un servizio di natura intellettuale.

L’INAPPLICABILITÀ DELL’ART. 95, COMMA 10 DEL D.LGS. 50/2016, PER IL SERVIZIO DI SUPPORTO ALLA GESTIONE DELLE ENTRATE COMUNALI

Peraltro la stazione appaltante aveva esercitato il soccorso istruttorio sul punto, nella convinzione che la legge di gara avesse omesso di precisare tale indicazione e dunque per rimediare, erroneamente, ad una propria omissione di precisare un elemento dovuto. E comunque mancavano gli spazi appositi per l’indicazione del costo della manodopera.

Pagina 2 di 335