Quotidiano on line (iscritto nel registro del Tribunale di Ancona, 11 aprile 2019, REG. 5/2019). Direttore responsabile: Lino BELLAGAMBA (iscritto dal 20 febbraio 2019 nell'elenco speciale dell'Ordine dei giornalisti delle Marche).

SERVIZI FORNITURE

La sezione riguarda i settori d’affidamento, in appalto, di servizi (tranne i SERVIZI DI ARCHITETTURA E INGEGNERIA, che hanno una loro sezione) e forniture. Per i servizi che si affidano non in appalto ma  in concessione, la sezione di riferimento è quella della CONCESSIONE stessa, comune anche ai lavori.

Tutte le amministrazioni statali centrali e periferiche, fra le quali sono espressamente incluse “le istituzioni universitarie”, sono tenute ad approvvigionarsi utilizzando le convenzioni-quadro

10 Aprile 2024

L’impossibilità di comparazione avrebbe dovuto indurre l’Università a desistere dalla procedura di rinegoziazione (il C.d.S. riforma il T.A.R. Marche). Qui e nel webinar: «Il percorso ordinato per il RUP per ogni affidamento sotto soglia comunitaria, con il nuovo codice (D.Lgs. 36/2023): dalle acquisizioni vincolate, fra CONSIP e MEPA, alle procedure negoziate. Affidamento diretto: i due nuovi schemi integrali d'atto».

“La base d’asta deve essere elaborata in base al costo determinato nelle tabelle ministeriali”: “i costi della manodopera siano scorporati dall’importo assoggettato al ribasso”

09 Aprile 2024

Quindi una base d’asta che si fondi su un costo della manodopera più basso rispetto a quello che emerge dalle tabelle ministeriali non è di per sé causa di illegittimità della legge di gara; lo diventa allorquando vi deroga in termini macroscopici, quando non garantisce ragionevolmente la possibilità di presentare offerte congrue. E passi, anche se non esiste un’«organizzazione aziendale» paradigmatica. Poi non si spiega che cosa significhi che “i costi della manodopera siano scorporati dall’importo assoggettato al ribasso”.

«Previsione anti pantouflage nel bando tipo n. 1/2023.

09 Aprile 2024

L’opzione e la domanda se la disciplina di gara possa prevederne più di una

08 Aprile 2024

RdO aperta sul MEPA per un servizio del valore di EUR 45.000

08 Aprile 2024

L’ANAC (giustamente) non ha avuto nulla da ridire per l’implementazione di una procedura sostanzialmente aperta, posta in essere per un importo da affidamento diretto. Ergo, il principio vale – per medesima ratioanche per acquisizioni fuori del MEPA. L’ANAC ha pertanto affermato (giustamente) la necessità di applicare quanto consegue a modifiche significative apportate in itinere ai documenti di gara. Anche nel webinar: «Il percorso ordinato per il RUP per ogni affidamento sotto soglia comunitaria, con il nuovo codice (D.Lgs. 36/2023): dalle acquisizioni vincolate, fra CONSIP e MEPA, alle procedure negoziate. Affidamento diretto: i due nuovi schemi integrali d'atto».

L’offerta economicamente più vantaggiosa secondo il miglior rapporto qualità/prezzo: il principio di prossimità

08 Aprile 2024

Nelle gare dirette all’affidamento dei servizi di recupero dei rifiuti urbani, in quale sede la sua valorizzazione?

Distinguere l’“opzione di proroga” dalla “proroga tecnica” (e dalla c.d. "negoziata-ponte"), così come puntualmente precisato dal D.Lgs. 36/2023, art. 120, commi 10 e 11

06 Aprile 2024

Equipollente alla proroga tecnica è la procedura negoziata-ponte di cui al medesimo nuovo codice dei contratti pubblici, art. 76, comma 2, lett. c), più spesso adottata per giusta necessità da parte degli enti sanitari. Qui e nel webinar: «Il "punto" sulle criticità applicative dell'appalto nel nuovo codice dei contratti pubblici (D.Lgs. 36/2023), con particolare riferimento all'accesso e alle cause di esclusione. Quesiti a "ruota libera"».

FOCUS Il consorzio cooperativo o artigiano e il suo rapporto con la qualificazione tecnica (eseguito appalto) della consorziata non designata per la specifica gara e che anzi vi ha partecipato in proprio

06 Aprile 2024

Il criterio dirimente è quello della precedente esecuzione del servizio non in proprio, ma come esecutrice designata dal consorzio. Salve alcune precisazioni, sentenza alla fine corretta: il consorzio si giova di quell’eseguito appalto in virtù del sottostante rapporto organico (e non di un insussistente rapporto di avvalimento, come invece nel caso del consorzio stabile). Qui e nel webinar: «I problemi concreti della procedura aperta di servizi e forniture, anche attraverso l’analisi critica del bando-tipo ANAC n. 1/2023.».

FREE Ministero dell’interno: le gare per i centri di accoglienza

06 Aprile 2024

Decreto di schema di capitolato di gara di appalto per la fornitura di beni e servizi relativi alla gestione e al funzionamento dei centri di accoglienza.

L’esclusione dell'offerta per difformità dai requisiti minimi

04 Aprile 2024

Può operare soltanto nei casi in cui la lex specialis preveda caratteristiche e qualità dell'oggetto dell'appalto che possano essere qualificate con assoluta certezza come caratteristiche minime (principio consolidato).

Pagina 3 di 560