curriculum linkedin twitter

Tematiche generali

SI PUÒ ANCORA PARLARE DI “PROVVISORIA AGGIUDICAZIONE” (SENTENZA 11 MARZO 2019)
La scelta di disporre l’aggiudicazione provvisoria dell’appalto, riservando quella definitiva alla verifica antimafia e all’approvazione del progetto migliorativo proposto dall’aggiudicataria, si discosta dal quadro normativo vigente con il nuovo codice?
MODULO PREDISPOSTO DALLA STAZIONE APPALTANTE (SENTENZA 11 MARZO 2019)
È consentito sanzionare con l'esclusione dalla gara il suo mancato utilizzo?
ANAC: AFFIDAMENTO DIRETTO E RICHIESTA DI GARANZIE PROVVISORIA E DEFINITIVA
Si afferma che, «nei casi di contratti di importo inferiore a 40.000 euro assegnati mediante procedure diverse dall’affidamento diretto, le stazioni appaltanti sono tenute a richiedere la garanzia provvisoria di cui all’articolo 93, comma 1, ultimo periodo e la garanzia definitiva di cui all’articolo 103, comma 11, del Codice dei contratti pubblici» (ANAC, delibera 27 febbraio 2019, n. 140). Non siamo d’accordo.
PROCEDURA TELEMATICA: LA POSSIBILITÀ PER I SINGOLI COMMISSARI DI PROCEDERE ALL’ANALISI DEI PROGETTI TRAMITE LA PROCEDURA STESSA (SENTENZA 11 MARZO 2019)
Non esclude l’esame collegiale da parte della commissione, anche perché ogni passaggio risulta tracciato.
L’ART. 211 DEL CODICE (SENTENZA 11 MARZO 2019)
L’impugnabilità del parere non vincolante dell’ANAC è da escludersi in assoluto?
LA PENULTIMA FORMULAZIONE DEL COMMA SUI GRAVI ILLECITI PROFESSIONALI (7 MARZO 2019)
Praticamente scontata l’interpretazione eurounitaria. Ma il problema è venuto meno con l’ultima modifica del codice.
LA FASE DELLA VERIFICA DELL'EFFETTIVO POSSESSO DEI REQUISITI DI PARTECIPAZIONE PRESCRITTI DAL BANDO (SENTENZA 7 MARZO 2019)
Si colloca «a valle del provvedimento di aggiudicazione, …
CONCORDATO CON CONTINUITÀ AZIENDALE (SENTENZA 7 MARZO 2019)
L’impresa ammessa a concordato con continuità aziendale non può partecipare alla gara con il ruolo di capogruppo di un R.T.I.: la ratio.
LA FLESSIBILITÀ NEL RAGGRUPPAMENTO (SENTENZA 7 MARZO 2019)
Tuttavia, l’art. 48, comma 19, del codice precisa che “in ogni caso la modifica soggettiva di cui al primo periodo non è ammessa se finalizzata ad eludere la mancanza di un requisito di partecipazione alla gara”.
GLI ATTI DI GARA (SENTENZA 7 MARZO 2019)
Il modulo di domanda allegato al bando ne costituisce parte integrante?

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.