Tematiche generali

INCARICO TECNICO DI APPROFONDIMENTO IN ORDINE ALL’OFFERTA

Vedi pronuncia.

L’ART. 11. COMMA 6, TERZO PERIODO, DEL CODICE

Illegittimo, nella fattispecie, non procedere a scorrimento della graduatoria, pur nell’esecuzione del giudicato.

LA DICHIARAZIONE “PER QUANTO DI CONOSCENZA” E I SOGGETTI CESSATI

Giurisprudenza consolidata.

OFFERTA ECONOMICA INDIVIDUABILE IN BASE A UN UNICO PARAMETRO NUMERICO

Si riscontra che «non basta affermare che una formula matematica dia un risultato utile purchessia».

IMPORRE AL CONCORRENTE, DI ACCETTARE CHE LA COMUNICAZIONE DI AGGIUDICAZIONE DEFINITIVA È SOSTITUITA DALLA PUBBLICAZIONE ALL’ALBO, NON SERVE A NIENTE

Le maldestre furbate di stazione appaltante.

LA CELERE DECISIONE SULL'AMMISSIONE DEGLI OPERATORI ECONOMICI ALLA GARA È GIÀ UN VALORE GIURIDICO DA TUTELARE

1. Una linea interpretativa che depotenzia la portata del principio di tassatività delle cause di esclusione. Si riafferma, infatti, che la completezza delle dichiarazioni è già un valore di per sé.

RIMESSIONE DI QUESTIONI ALLA CORTE DI GIUSTIZIA

Si «rimettono all’esame della CGUE (…) questioni di corretta interpretazione del diritto eurounitario».

LA “PLENARIA” SUI SOGGETTI TENUTI ALLE DICHIARAZIONI EX ART. 38 DEL CODICE E L'APPLICABILITÀ A FATTISPECIE ANTERIORI.

Una nuova “plenaria” per dire che, come per l’offerta tecnica da aprirsi in seduta pubblica, il principio non può considerarsi esteso a fattispecie anteriori?

SINDACABILITÀ DELLA VALUTAZIONE DELLE OFFERTE TECNICHE E CARENZA PER LA COMMISSIONE DI POTESTÀ INTEGRATIVA DELLE MEDESIME

Principi consolidati.

MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E VICE-PRESIDENTE, NON ONERATI DELL’ONERE DICHIARATIVO (“PLENARIA” A PARTE)

1. I membri del consiglio di amministrazione che ai sensi dello statuto societario hanno solo poteri deliberativi, ma non rappresentativi, non rientrano fra i soggetti tenuti alle dichiarazioni ex art. 38 del codice.

Pagina 719 di 761